Salar de Uyuni – Bolivia

Il Salar de Uyuni è un gigantesco deserto di sale che circa 40.000 anni fa era parte del lago Minchin, un lago preistorico, che prosciugatosi diede vita ai laghi Poopò e Uru Uru e ai due deserti salati Salar de Coipasa e Salar de Uyuni.

La sua superficie di di 10.582 km² e contiene 10 miliardi di tonnellate di sale di cui ogni anno meno di 25.000 tonnellate vengono estratte. E’ formato da più o meno 11 strati i cui spessori variano da 2 a 10 metri circa, il primo strato ha uno spesso di 10 metri. E’ tra i più grandi deserti al mondo ed anche la più grande distesa salata del pianeta. Si trova nei dipartimenti di Potosí e di Oruro, nei dintorni della città di Uyuni, nell’altopiano andino meridionale della Bolivia, a 3.650 metri di quota.

Il Salar de Uyuni contiene considerevoli quantità di magnesio, boro e potassio e fornisce un terzo delle riserve di litio del pianeta. Il più grande specchio del mondo, un luogo magnifico e unico per la particolarità del paesaggio è uno dei posti più belli al mondo.

Tra le attrattive da visitare all’interno del Salar vi sono:

 

Isla Incahuasi e Isla de Pescado (l’Isola del Pesce, prende il nome dalla sua forma) , due isole ricoperte di cactus che si trovano nel mezzo del deserto non tanto distanti l’una dall’altra.

 

Sol de Mañan, situate a quasi 5.000 metri di altitudine, è un insieme di pozze di fango bollente e geyser con fumarole sulfuree.

 

 

 


 

Termas de Polques, si trovano a circa 4.300 metri, sono sorgenti termali con una temperatura di 30° circa.

 

 


 

Vulcano Tunupa è un vulcano dormiente, il suo paesaggio regala una ricca diversità di fauna e flora.

 

 

 


 

Mummie di Coquesa, Coquesa è un villaggio ai margini del deserto in cui è stata scoperta una caverna al cui interno sono state trovate delle mummie di 3.000 anni fa circa.

 

 


 

 

Laguna Colorada è una meravigliosa oasi con fenicotteri rosa stupendi.

 

 

 


Hotel Luna Salada è un particolare e incantevole hotel di sale.

Leggenda

Un’ antica leggenda Aymara narra che furono Kusina, Kusku e Tunupa, le montagne circostanti a formare il deserto salato. Tunupa e Kusku erano sposati ma Kusku tradì sua moglie con Kusina, Tunupa piante talmente tanto che riempì tutta la distesa con le lacrime dando vita così al deserto di sale. Esiste però una variente della leggenda la quale racconta che le lacrime di Tunupa cominciarono dopo che il marito Kusku abbandonò lei e il loro figlio appena nato, durante ogni allattamento Tunupa piangeva disperata e le lacrime si mischiavano al latte e formarono il Salar.
Secondo gli Inca nel deserto cii sono gli Ojos de Salar (occhi del deserto di sale) che inghiottivano le carovane. Buchi nella superficie salata dai quali fuoriesce l’acqua sottostante, a volte sono quasi invisibili a causa delle condizione della luce divenendo pericolosi.

Storia

Secondo la scienza invece per risalire a ciò che formò il deserto di sale bisogna andare indietro di 40.000 anni circa. L’altopiano su cui è situato il deserto non aveva sbocchi e l’acqua che proveniva dalle montagne vicine si raccoglieva formando il lago Minchin. Per via della salinità elevata, l’acqua colpita dai raggi del sole evaporò e così si formò la crosta di sale. Il lago raggiunge la profondità di 120 metri nella sua parte più profonda e centrale.

Tra Giugno e Settembre è molto freddo essendo il periodo invernale e le temperature sono polari. Invece il peridodo ideale è quello autunnale/primaverile, da ottobre a Novembre e da Aprile a Maggio, in questi mesi il Salar è asciutto e le strade sono più percorribili senza troppi problemi. Il periodo piovoso ,da Dicembre a Marzo, offre scenari meravigliosi, uno specchio d’acqua in tutto il salar, in questo periodo però alcune delle strade e l’Isla Incahuasi non sono accessibili.

Le condizioni del terreno sono particolari quindi è consigliabile l’utilizzo di una jeep o di una 4×4 per attravversare senza molti problemi Il Salar de Uyuni. E’ sconsigliata l’avventura a piedi da soli perchè essendo molto vasto il rischio di perdersi è molto elevato.



2 Condivisioni
Condividi
+11
Tweet
Pin1
Vai alla barra degli strumenti